Kultur

La rettitudine del traduttore

Stefano Zangrando
Stefano Zangrando, autore e traduttore, vive e lavora tra Rovereto e Berlino. © Valentina Patuzzi
 

È appena uscito per Feltrinelli l’ultimo libro dello scrittore di Dresda Ingo Schulze. Un colloquio con il bolzanino Stefano Zangrando, suo traduttore di fiducia.

ff Quando ha scoperto Ingo Schulze e come ne è diventato il principale traduttore italiano?

Stefano Zangrando: Ho conosciuto Ingo Schulze nell’autunno del 2000 a Berlino. Ero lì per un soggiorno di studio e lavoro e avevo portato con me il suo libro più noto, Semplici storie, che era da poco uscito nella traduzione di Claudio Groff. Mi presentai a una sua lettura pubblica al British Counsil dicendogli che avrei voluto scrivere un saggio critico su quel romanzo, cosa che poi feci. Da quel primo contatto nacquero un intenso scambio epistolare e altre mie

Abonnieren Sie jetzt die ff und Sie erhalten Zugriff auf alle Inhalte. Einen Monat für 0,00 € testen Unsere Abo-Angebote im Überblick
Bereits Abonnent?

Leserkommentare

Kommentieren

Sie müssen sich anmelden um zu kommentieren.