Wichtiger Hinweis

In eigener Sache:

Liebe Leserinnen, liebe Leser, aufgrund der aktuellen Ereignisse schalten wir für Sie die ff online vorübergehend frei. Sie können alle, Abonnenten wie Nicht-Abonnenten, das neue Heft ab Donnerstag als E-Paper kostenlos lesen, klicken Sie dafür im Menü auf E-Paper lesen. Oder Sie laden sich die ff-App auf Ihr Smartphone.
Wir wünschen gute Lektüre und gute Gesundheit!

Leserbriefe

Klimanotstand! Echt jetzt?

Aus ff 31 vom Donnerstag, den 01. August 2019

Leserbriefe
Leserbriefe © ff-Media
 

Leitartikel von Norbert Dall’Ò in ff 30/19 über das Ansinnen von Grünen und Team Köllensperger, den Klimanotstand auszurufen

La nostra generazione, sig. Dall’O, si può permettere di sottovalutare la situazione perché tra pochi decenni non esisterà più. Esattamente come qualche anno fa chi ha preso decisioni sull’economia planetaria, statale e locale, non si è curato dell’impoverimento dei pensionati o delle classi medie futuri. Ma una politica ed una informazione lungimirante devono tener conto anche di chi ora è bambino o non è ancora nato.

Greta Thunberg si è fatta portavoce dei tanti che hanno grandi preoccupazioni per il futuro della nostra specie. Non è solo Greta che ci chiede di agire: sono le centinaia di scienziati di tutto il mondo, che, inascoltate Cassandre, chiedono a gran voce da decenni che politica ed informazione si attivino!

Greta è la portavoce delle future generazioni, il suo non è un messaggio di propaganda politica come quello dei vari Salvini, ma di richiesta d’ascolto rivolta proprio a tutti!

Mi stupisce sempre quando qualcuno ritiene il nostro Sudtirolo come isolato dal mondo, virtuoso, primo della classe.

Basta leggere l’ultimo report dell’Eurac sull’ambiente locale per capire che sì, anche noi siamo in piena emergenza climatica ed ancora molto lontani dai limiti significativi richiesti a livello mondiale.

Il termine emergenza climatica non è stato coniato dai Verdi sudtirolesi per facile campagna politica, ma è diffuso a livello mondiale. Al suo programma stanno aderendo grandi e piccole città, 230 in Italia ed all’estero come New York, San Francisco, Cos­tanza, Parigi, Londra, Basilea, Melbourne, Edimburgo e 822 enti locali in 22 paesi!

Cosa ha tutto ciò a che vedere con la facile, populista propaganda politica?

Per favore non ricadiamo ancora nel nostro comodo provincialismo e cer­chiamo di realizzare tutti insieme il programma dell’Emergenza climatica!

Rosina Ruatti, Grüne, Bozen

Leserkommentare

Kommentieren

Sie müssen sich anmelden um zu kommentieren.